La vita è una ricerca e un viaggio.
La mia vita è la ricerca del cioccolato perfetto.

“Se torno nei miei ricordi, la mia vita è sempre stata intrisa dei sapori della cucina di mia madre e l’amore dei miei genitori per l’arte. Sono nato a Milano, il 12 febbraio. Mia madre e mio padre erano entrambi fotografi e lavoravano duramente nella vivace città di Milano, dove moda, stile di vita e design scorrevano nel sangue di tutti. E da purosangue italiano: l’amore per il buon cibo “.

Davide Comaschi – chocolate designer

Da bambino aiutavo mia madre a preparare torte fatte in casa e la nostra tradizionale pizza della domenica. Per me si era aperto un mondo. Amavo fare impasti, sperimentare ingredienti… e la passione per la pasticceria è cresciuta dentro di me.

Crescendo, ho dovuto fare delle scelte. Scelte difficili. Indeciso tra arte e pasticceria, ho scelto, durante la mia adolescenza, di seguire la scuola di pasticceria e panetteria. Quindi eccomi lì, 13 anni. Ogni giorno, dopo la scuola, mi precipitavo alla pasticceria nel mio paese per mettere in pratica ciò che avevo imparato. Nei fine settimana aiutavo in una gelateria e ho cominciato a conoscere la magia del gelato.

I miei insegnanti hanno raccolto il mio entusiasmo per la professione e mi hanno spronato a fare il mio primo stage alla Pasticceria Martesana. Era una pasticceria milanese con una cultura vibrante. Un posto meraviglioso che ha alimentato il mio entusiasmo e la mia crescita. Lavorare lì sembrava una giacca su misura, che mi calzava perfettamente. Così ho deciso di continuare a lavorare lì dopo la scuola fino a quando mi sono diplomato nel 1996 come pasticcere al CAPAC di Milano.

 

“Sono stato assunto dalla Pasticceria Martesana. Quel luogo magico ha segnato l’inizio della mia carriera professionale. Ero entusiasta di poter imparare e sperimentare i dettagli di una fiorente realtà di pasticceria artigianale”.

“Avevo un sogno e un’ambizione ardente. Volevo diventare uno dei migliori pasticceri del mondo “.

A quel tempo avevo 16 anni. Dopo il diploma sono stato assunto dalla Pasticceria Martesana. Quel luogo magico ha segnato l’inizio della mia carriera professionale. Ero entusiasta di poter imparare e sperimentare i dettagli di una fiorente realtà di pasticceria artigianale.

Quattro anni dopo, ho aperto per 5 anni la mia attività in provincia di Milano. È stato un periodo molto emozionante, assaporando per la prima volta l’imprenditorialità. E anche se è diventato un successo immediato, mi mancava moltissimo l’energia di Milano. Ho fatto una scelta difficile quella di tornare alla città a cui appartenevo. Una città che mi ha offerto tutte le possibilità per crescere.
Quando sono tornato alla Pasticceria Martesana, avevo un sogno e un’ambizione ardente. Volevo diventare uno dei migliori pasticceri del mondo. Ho iniziato come capo chef e ho assunto la direzione della pasticceria. E ogni giorno sembrava una nuova alba. Ho accettato ogni sfida che potevo per stupire, sorprendere e lasciare impressioni con quello che creavo. Ho assorbito come una spugna, imparato, acquisito nuove competenze, incontrato gli chef più straordinari d’Italia e allargato i miei orizzonti sia dentro che fuori il laboratorio di pasticceria.

Durante quegli anni entusiasmanti, ho scoperto il mio amore per il cioccolato. Il cibo degli dei non era solo un dono celeste da assaggiare ed esplorare. Per me era la materia prima perfetta con cui lavorare. Come un diamante grezzo, il cioccolato mi ha permesso di modellarlo, scolpirlo, lucidarlo. Ricordi la mia adolescenza, dove ero combattuto tra la passione per l’arte e l’amore per la pasticceria? Con la scoperta del cioccolato, ho finalmente trovato la mia tela per esplorare appieno il mio potenziale artistico.

Volevo gridare la mia passione e condividerla con il mondo. È così che ho deciso di iniziare a partecipare alle competizioni. A livello locale, all’inizio, per capire di cosa si trattava. E ben presto mi sono trasferito sulla scena internazionale per mettermi alla prova. Più che vincere, le gare mi hanno davvero stimolato ad incontrare altri chef, scambiare idee e crescere ulteriormente. È così che gradualmente sono diventato uno chef migliore e ho avuto la fortuna di vincere i miei primi premi. Il culmine di questo viaggio è stato partecipare e vincere il World Chocolate Masters nel 2013 – il campionato mondiale professionale per il cioccolato.

  • Campione italiano di cioccolato Under 26 2006. SIGEP, Rimini.
  • 2010 Ingresso in AMPI, Accademia Maestri Pasticceri Italiani.
  • 2011 Medaglia d’argento alla Coupe du monde de la pâtisserie. SYRAH, Lione.
  • Campione italiano di cioccolato 2012. SIGEP, Rimini.
  • Campione del mondo 2013 al World Chocolate Masters, Parigi, Francia.

Essere il primo chef italiano ad aver vinto questo premio è stato un grande riconoscimento. Ha anche plasmato la mia missione: portare la pasticceria italiana a un livello superiore sulla piattaforma internazionale. È iniziato con la creazione e la costruzione di un nuovissimo e ipermoderno laboratorio per la Pasticceria Martesana per aumentare ulteriormente la qualità e rinnovare l’offerta di pasticceria. Ma qualità e innovazione richiedono anche una squadra forte. È così che sono diventato anche un team builder e coach: dare il meglio di te ogni singolo giorno è ciò che ogni membro del team considera un credo.

Tutto ciò ha contribuito a farmi ricevere un riconoscimento unico nel 2014-2015: essere stato premiato Pasticcere dell’anno 2014-2015.

Nel 2016 ho accettato una nuova sfida e ho preso il timone della Chocolate Academy ™ di Barry Callebaut a Milano: una scuola incentrata sullo scambio e la formazione di professionisti del settore del cioccolato.

È stata un’altra bellissima esperienza. Lavorare per Barry Callebaut, ha ampliato il mio orizzonte.
Nel 2019 Barry Callebaut mi ha chiesto di diventare il loro capo chef creativo per il marchio belga di cioccolato, Callebaut, dove – fino ad oggi – insieme a chef di tutto il mondo, sviluppiamo i cioccolatini e il know-how di cui hanno bisogno i professionisti di oggi e di domani.

Le numerose conversazioni con chef e artigiani di tutto il mondo hanno dato forma al mio prossimo grande sogno. Parallelamente al mio lavoro per Callebaut, ho lanciato la mia collezione di cioccolatini “Galaxy” al Forte Village in Sardegna. Nello stesso anno viene lanciato anche nella food hall al settimo piano del luxury department store La Rinascente di Milano.

Oggi continuo il sogno.
Sviluppando prodotti di cioccolato più esclusivi incentrati sul design e su un’esperienza sensoriale unica. Voglio che i miei prodotti siano straordinari. Nel modo in cui appaiono, vengono degustati, profumano e sono confezionati. Perché il cioccolato è un lusso. Ma voglio che sia un lusso alla portata di tutti. Per rompere la routine da cui siamo presi e fornire un momento di piacere per tutti i sensi.

Il 26 ottobre 2020, Davide ha ricevuto anche il premio di Maestro d’Arte e Mestiere (MAM). È lo chef più giovane a ricevere questo premio, tradizionalmente riservato per celebrare il traguardo della carriera dei più grandi maestri della pasticceria italiani.

“Il cioccolato è un lusso. Ma voglio che sia un lusso alla portata di tutti. Per rompere la routine da cui siamo presi e fornire un momento di piacere per tutti i sensi. “

Vita in Pasticceria

Scopri come il credo del nostro team ci aiuta a creare sensazioni straordinarie da assaporare.

Concorsi

Davide Comaschi ha partecipato alla principale competizione mondiale di cioccolato e pasticceria. Esplora il suo viaggio e le sue conquiste.

Piantagioni

Nella nostra ricerca del cioccolato perfetto, la selezione delle fave di cacao per i nostri cioccolatini è fondamentale. Davide ti accompagna in tour e ti spiega le scelte che facciamo.